I 10 campanelli d’allarme

LE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE
CONOSCERLE, RICONOSCERLE E CURARLE: UN COSTANTE LAVORO DI GRUPPO
1

I 10 CAMPANELLI DI ALLARME NEL BAMBINO

Le immunodeficienze primitive (IDP) sono malattie congenite causate da alterazioni del sistema immunitario che comportano una aumentata suscettibilità alle infezioni.

Non rientrano tra le immunodeficienze primitive le condizioni di alterata funzione del sistema immunitario conseguenti ad infezioni (es. AIDS), stati di grave malnutrizione o indotte da di farmaci.

1 persona su 500 è affetta da una delle Immunodeficienze Primitive attualmente conosciute.

Se tu o qualcuno che conosci presenta almeno due dei seguenti Campanelli di Allarme, parlane con il tuo medico per escludere un’Immunodeficienza Primitiva.

[Fonte: Jeffrey Model Foundation]

Quattro o più otiti
in un anno
Due o più gravi sinusiti
in un anno
Più di due mesi di terapia antibiotica con scarso effetto
Quattro o più otiti
in un anno
Scarso accrescimento
staturoponderale
Ascessi ricorrenti della cute e
di organi interni
Mughetto persistente o altre
candidosi dopo l’età di un anno
Due o più gravi sinusiti
in un anno
Due o più infezioni
agli organi interni
Storia familiare di
immunodeficienze primitive
I 10 CAMPANELLI DI ALLARME NELL’ADULTO

Alcune delle condizioni che possono portare a sospettare un’immunodeficienza primitiva nell’adulto.

Consultate il vostro medico se si verifica una o più di queste condizioni:
  1. Più di 2 otiti in un anno
  2. Più di 2 sinusiti in un anno, in paziente non allergico
  3. Almeno 1 polmonite l’anno per più di 1 anno
  4. Diarrea cronica con perdita di peso
  5. Infezioni virali ricorrenti (raffreddore, herpes, verruche, condilomi)
  6. Frequente necessità di antibiotici per via endovenosa
  7. Ascessi ricorrenti della cute e degli organi interni
  8. Candidasi orale o cutanea persistente
  9. Infezioni da Mico-batteri atipici
  10. Familiarità per immunodeficienza primitiva
1
Cerca il centro di cura più vicino a te
Abbiamo raccolto informazioni e contatti su tutto il territorio nazionale, stilando una lista di medici di riferimento che possano essere di supporto ai pazienti ed alle loro famiglie.